AAA

architetticercasi™

Park Slope Food Coop

Park Slope Food Coop è il più grande supermercato cooperativo gestito interamente dai suoi clienti.

condividifacebook twitter  0 commentivai  Union Street,782, Brooklyn, New Yorkapri mappa 

Park Slope Food Coop è un supermercato cooperativo situato al centro del quartiere Park Slope a New York City. Fondato nel 1973, è il più grande supermercato degli Stati Uniti gestito interamente dai clienti.
Non ci sono commessi, addetti alle pulizie o al rifornimento degli scaffali, cassieri. O meglio ci sono, ma nessuno di essi lo fa di lavoro.
E funziona così: ogni socio di Park Slope Food Coop si impegna a contribuire con 2 ore e 45 minuti di lavoro nel supermercato ogni quattro settimane, accettando di volta in volta i diversi turni che gli possono capitare. Tutti sono benvenuti, ma la vendita è consentita solo ai soci effettivi del supermercato: se ci dai una mano puoi godere della qualità e dei vantaggi (anche economici!) che questo tipo di supermercato offre.

Park Slope Food Coop

Basato sul modello cooperativo, Park Slope Food Coop è cresciuto negli anni, raggiungendo oggi il numero di 16.000 soci. Con una tessera di 25$ e un contributo di 100$ per il sostentamento della cooperativa (che viene restituito non appena smetti di essere socio), il supermercato permette di ottenere un notevole risparmio sui costi di gestione, con una diminuzione dei prezzi di vendita fino al 20/40% in meno rispetto ai negozi tradizionali.

Ma la vera rivoluzione sta nella de-intermediazione, nell'attivismo delle persone che vi partecipano, nella grande attenzione che viene data alla provenienza, alla tipologia di produzione e di distribuzione del cibo. Tutto ciò ha permesso di creare una nuova forma di imprenditorialità, di premiare i produttori virtuosi, di aumentare la coscienza e la conoscenza di ciò che mangiamo, di creare partecipazione e condivisione a livello di quartiere.

Le Food Coop nascono dalla volontà di consumare cibo sano, “buono, pulito e giusto”, per quotare lo slogan di Slow Food, e dalla necessità di avere un controllo diretto sulla qualità alimentare. Oggi all'interno di Park Slope Food Coop si possono trovare più di 5.000 prodotti, la maggior parte di essi da agricoltura biologica, altrettanti venduti senza alcun tipo di packaging, allo scopo di favorire l’acquisto di prodotti sfusi e diminuire così anche l’impatto ambientale.
Così come l’elenco dei produttori coinvolti è cresciuto nel tempo, allo stesso modo la progettazione del servizio, nato totalmente dal basso, ha negli anni sviluppato tutta una serie di attività e strumenti in grado di gestire l’alto numero e la variabilità dei soci. Ma soprattutto, quest’iniziale idea di servizio è stata in grado di trasformarsi in una piattaforma che crea le condizioni per cui tutti possono contribuire secondo le proprie capacità. Ogni socio, infatti, è tenuto a partecipare ad una serie di incontri di formazione e “aggiornamento” organizzati da membri “senior” della cooperativa. Non solo. Ogni socio ha voce in capitolo ed è chiamato a decidere in modo collettivo sui prodotti da acquistare, sulla quantità, sui fornitori, sui prezzi. E a contribuire alle iniziative, ai corsi e alle lezioni divulgative che sono parte dell’offerta di Park Slope Food Coop.
Questi spazi diventano nel tempo luoghi che accolgono diverse funzioni, spesso complementari al loro carattere principale: promuovono banche del tempo locali, si attrezzano con spazi nursery, organizzano corsi di formazione e reinserimento lavorativo. Il mix di relazioni e sinergie che n*e deriva contribuisce in modo determinante alla qualità delle relazioni e degli incontri di quartiere e alla voglia di fare insieme.
La condivisione dei benefici e delle responsabilità ha permesso a Park Slope Food Coop di resistere nel tempo e di diventare un caso internazionale con diverse e ben accolte “imitazioni”, come ad esempio il People Supermarket a Londra.

Park Slope Food Coop

HousingLab


 

Centrum Odorf

GOOD PRACTICES  /  settembre 2012

Froetscher Lichtenwagner Architecten, Innsbruck (A), 2006

 

De Salamander

GOOD PRACTICES  /  ottobre 2012

Miguel Loos of Loos Architects, Zaandam (NL), 2006.

 

Die Gestapelte Kleingartensiedlung

GOOD PRACTICES  /  ottobre 2012

Helmut Wimmer, Vienne (A), 2002

 

Hegianwandweg Housing Project

GOOD PRACTICES  /  ottobre 2012

EM2N, Zurich (CH), 2003

 

Iroko House

GOOD PRACTICES  /  ottobre 2012

Haworth Tompkins Architects, London (UK), 2002

 

Residenze sociali Via Gallarate esito del Concorso Abitare a Milano

GOOD PRACTICES  /  ottobre 2012

MAB Arquitectura, Milan (I), 2011

 

Sargfabrik

GOOD PRACTICES  /  ottobre 2012

BKK Architects, Vienne (A), 1996

 

The CiBoGa Terrain

GOOD PRACTICES  /  ottobre 2012

S333 Architecture + Urbanism, Groningen (NL), 2003

 

AAA architetticercasi 2008 - primo classificato

ARCHITETTICERCASI 2008,GOOD PRACTICES  /  ottobre 2008

DEMO architects, Milan (I), 2008

 

AAA architetticercasi 2010 - primo classificato

ARCHITETTICERCASI 2010,GOOD PRACTICES  /  ottobre 2010

B22, Stefano Tropea, Mikel Martínez Múgica, Sergio Coll Pla, Milan (I), 2010

 

AAA architetticercasi 2010 - secondo classificato

ARCHITETTICERCASI 2010,GOOD PRACTICES  /  ottobre 2010

Matteo Parini, Roy Nash, René Dlesk / P-U-R-A, Milan (I), 2010

 

AAA architetticercasi 2008 - secondo classificato

ARCHITETTICERCASI 2008,GOOD PRACTICES  /  ottobre 2008

Operastudio, Milan (I), 2008

 

AAA architetticercasi 2010 - terzo classificato

ARCHITETTICERCASI 2010,GOOD PRACTICES  /  ottobre 2010

FLU design, Giuseppe Francavilla, Luciana Mastrolonardo, MIlan (I), 2010

 

AAA architetticercasi 2010 - quarto classificato

ARCHITETTICERCASI 2010,GOOD PRACTICES  /  ottobre 2010

Camilla Guerritore, Daniele Betelli, Sonia Cucci, Luca Varvello, Milan (I), 2010

 

AAA architetticercasi 2008 - terzo classificato

ARCHITETTICERCASI 2008,GOOD PRACTICES  /  dicembre 2008

-scape, Milan (I), 2008

 

SOCIAL MARKET - La città come interscambio

ARCHITETTICERCASI 2013,PROGETTI IN CONCORSO 2013,GOOD PRACTICES  /  luglio 2013

Marco Jacomella, Carla Ferrer Llorca, Andrijana Sekulic, Gianmaria Socci, Claudio Esposito, Salvatore Di Dio

 

LOG Abitare connessi

ARCHITETTICERCASI 2013,PROGETTI IN CONCORSO 2013,GOOD PRACTICES  /  luglio 2013

Giorgia Cilli, Arianna Veloce | Alessandro Fiorentini, Stefano Zagni


 Commenti

nessun commento presente

devi accedere al sito per poter commentare l'articolo